top of page
Cerca
  • saranavacchia

Le fiorite del mese! Le specie che danno colore al nostro giardino a metà primavera

La phlox

La phlox subulata è una tappezzante dai colori molto accesi e dalle abbondantissime fioriture primaverili.


Se volete colorare il vostro giardino in primavera, magari creando piccoli cuscini fioriti negli angoli o lungo il percorso, vi consigliamo di mettere a dimora la phlox subulata, preferibilmente in spazi soleggiati.


Senza che le dedichiate eccessive cure durante l'anno, con l'arrivo delle prime giornate di sole vi regalerà una vera e propria esplosione di colore, grazie alle tinte cangianti dei sui petali e all'abbondanza dei suoi fiori.


Oltre ad essere una pianta abbastanza rustica, la consigliamo perché cresce velocemente nel tempo. Saranno necessarie poche piante per creare in poco macchie colorate molto suggestive.

Sul mercato si trovano differenti cultivar dalle diverse tonalità (in foto si mostrano quella rosa acceso e quella più delicata con striature bianche).









Aquilegia

Inconfondibile per il suo profilo con lo sperone (che ricorda i cappelli a punta dei giullari), l'Aquilegia è un'erbacea perenne dal fiore delicato ed elegante. Le cultivar ornamentali fioriscono in primavera e nei vivai si ritrovano di diversi colori (come viola, lilla e bianco), mentre quelle spontanee, che crescono in montagna, possono avere tonalità più sature e decise, come il porpora scuro.

È ottima per ornare le bordure dei giardini o dare colore ai terrazzi.

Qui sotto un'immagine dell'Aquilegia spontanea, fiorita a fine giugno in montagna (quota 1300 m s.l-m.)







Fragola rosa


Decisamente bella e anche buona (gli antichi greci avrebbero detto καλός κἀγαθός , kalòs kagathòs), è la cultivar di fragola dai fiori rosa. Ottima sia per decorare le bordure sia per produrre qualche sfizioso frutto tardo primaverile, questa piccola erbacea perenne sarà in grado di espandersi velocemente grazie ai suoi stoloni e vi tappezzerá in pochi mesi gli spazi circostanti non occupati da altra vegetazione. Se volete gustarne i frutti, mettetela a dimora in posizioni soleggiate e possibilmente lontano da aree frequentate dalle lumache!





49 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


Post: Blog2_Post
bottom of page